Review – Inclusivity in Science: Virgo Collaboration in Italian Prisons [EN/IT]

with No Comments

Inclusivity in Science: Virgo Collaboration in Italian Prisons

On the occasion of the 2023 International Day of Education in Prisons, the Virgo Collaboration for the direct observation of gravitational waves launched a project to bring astrophysics to various prisons in Italy, firmly believing that everyone, including jailed individuals, should have access to education and the opportunity to be inspired by science.

Gravitational waves, predicted by Albert Einstein within the framework of General Relativity, are ripples of space-time generated by extreme events in the universe, such as the merging of black holes. Detected for the first time in 2015 by the scientific collaborations LIGO and Virgo, this discovery opened a new window to explore the universe.

Virgo is a giant laser interferometer, with 2 perpendicular arms each 3 km in length, set near Pisa in Italy. It is one of the three experiments on Earth, together with the two LIGO detectors in the USA, capable of detecting gravitational waves. Over 800 physicists, mathematicians, engineers, and technicians collaborate at Virgo, representing more than 150 scientific institutions from 18 nations, predominantly European.

The detection of gravitational waves is often compared to Galileo’s use of the telescope, as representing a scientific revolution already reshaping our perception of the universe. Through synergies with various fields of physics and astrophysics, including cosmology and particle physics, gravitational waves are providing new insights into the cosmic fabric, transforming our understanding of the universe.

Within the Virgo collaboration, we firmly believe that science should be accessible to everyone, allowing anyone to experience the fascination of new discoveries about nature and the universe. Science can contribute to the improvement of society and quality of life, offering a method for the resolution of conflicts, based on reasoned arguments and a tool for decision-making grounded in reliable data. Recent scientific discoveries about our universe have consistently sparked curiosity among non-experts, with topics like black holes, neutron stars, and the expansion of the universe becoming popular subjects featured in numerous films and documentaries.

As members of the Virgo collaboration’s outreach group, we are dedicated to expanding our audience, making our science accessible even to individuals on the fringes of society, such as those in prison, who are, presumably, less exposed to scientific outreach and developments in modern science.

In October 2023, coinciding with the International Day of Education in Prisons, we organized informative seminars in various Italian penitentiaries. Livia Conti with Sabine Hemmer visited the Padova Detention Centre, Alberto Colombo visited Bollate and Milano Opera Prisons, while Fabio Garufi and Annalisa Allocca engaged with the Secondigliano Detention Centre. Each session, lasting approximately one hour, offered a captivating journey through the realm of gravitational waves, from their prediction by Albert Einstein to the ground breaking discoveries since 2015.

The remarkable participation exceeded our expectations, with more than 50 individuals attending each session. Not only did the incarcerated individuals display interest and engagement, but tutors and guards also actively participated, contributing to the creation of an inclusive and respectful learning atmosphere. The questions raised during the sessions were plentiful and highly relevant, demonstrating genuine interest and deep curiosity among the participants. It was encouraging to witness how scientific discourse transcended barriers, engaging a diverse audience within the prison facilities. In particular, the inmates at Bollate prison, who are managing a magazine, decided to include a science-themed column due to their enthusiasm about these topics.

Looking ahead, the Virgo collaboration’s outreach group is inspired by the success of this initiative and is dedicated to extending its reach further. Plans are already underway to organise more seminars in prisons across Italy and potentially expand the program to other countries in Europe. The goal is to make science accessible to the whole society, without exception, thereby fostering a more inclusive scientific community. It is our wish that this initiative is just the beginning of a broader movement to ensure that everyone, irrespective of their background or situation, has the opportunity to be inspired by the wonders of the universe and the pursuit of knowledge. By continuing to break down barriers to education and scientific outreach in the future, our hope is not just contributing to the field of astrophysics but is also playing a crucial role in the betterment of society as a whole, and in showing how science can make our lives better.

Website: www.virgo-gw.eu

Authors: Alberto Colombo, Livia Conti, Fabio Garufi, Annalisa Allocca, Simone Mastrogiovanni, Giada Rossi, Isabel Cordero-Carrión


RETROSPETTIVA- Inclusività nella Scienza: la Collaborazione Virgo nelle Carceri Italiane

In occasione della Giornata Internazionale dell’Educazione in Carcere del 2023, la Collaborazione Virgo, esperimento impegnato nell’osservazione delle onde gravitazionali, ha avviato un progetto per portare l’astrofisica nelle carceri italiane, con la profonda convinzione che tutte le persone, incluse quelle incarcerate, debbano avere accesso all’istruzione e l’opportunità di essere ispirate dalla scienza.

Le onde gravitazionali, previste da Albert Einstein nel contesto della Relatività Generale, sono increspature dello spazio-tempo generate da eventi estremi nell’universo, come lo scontro tra buchi neri. La loro scoperta, avvenuta nel 2015 grazie alle collaborazioni scientifiche LIGO e Virgo, ha permesso di aprire una nuova finestra per esplorare il cosmo.

Virgo è un enorme interferometro laser, con due bracci perpendicolari lunghi ciascuno 3 km, situato vicino a Pisa, ed è uno dei tre esperimenti sulla Terra, insieme ai due rivelatori LIGO negli USA, in grado di rivelare le onde gravitazionali. Oltre 800 fisici, matematici, ingegneri e tecnici collaborano a Virgo, rappresentando più di 150 istituzioni scientifiche provenienti da 18 nazioni, prevalentemente europee.

La scoperta delle onde gravitazionali è spesso paragonata all’uso del cannocchiale da parte di Galileo, in quanto ha rappresentato una sensazionale rivoluzione scientifica, che ha innescato un profondo cambiamento nella nostra percezione dell’universo. Infatti, attraverso sinergie con vari campi della fisica e dell’astrofisica, come la cosmologia e la fisica delle particelle, le onde gravitazionali stanno ampliando la nostra comprensione dell’universo, fornendo nuove importanti informazioni sulla struttura del cosmo.

All’interno della collaborazione Virgo, crediamo fermamente che la scienza debba essere accessibile a tutte le persone, permettendo a chiunque di sperimentare il fascino delle nuove scoperte relative alla natura e all’universo. La scienza rappresenta uno strumento fondamentale per il miglioramento della società e della qualità della vita, offrendo un metodo per prendere decisioni e risolvere conflitti basato su argomentazioni ragionate e dati affidabili. Inoltre, le scoperte riguardanti fenomeni come buchi neri e stelle di neutroni non solo stimolano la curiosità di tutti e tutte, ma sono diventate temi ricorrenti in numerosi film e documentari, riscuotendo un vasto interesse nel grande pubblico.
Come membri del gruppo di divulgazione della collaborazione Virgo, ci impegniamo a estendere il nostro pubblico, portando la scienza anche a comunità spesso ai margini, come le persone in carcere, riconoscendo che questi individui possano avere minori opportunità di accesso alla divulgazione scientifica e agli avanzamenti della scienza moderna.
Durante il mese di ottobre 2023, in occasione della Giornata Internazionale dell’Educazione in Carcere, abbiamo organizzato dei seminari di divulgazione in varie carceri italiane. Livia Conti e Sabine Hemmer hanno visitato la Casa di Reclusione di Padova, Alberto Colombo il carcere di Bollate (Milano) e la Casa di Reclusione di Milano Opera, mentre Fabio Garufi e Annalisa Allocca hanno visitato la Casa Circondariale di Secondigliano (Napoli). Ogni sessione, della durata di circa un’ora, ha offerto un affascinante viaggio nella scienza delle onde gravitazionali, partendo dalla loro previsione da parte di Albert Einstein, fino ad arrivare alle scoperte rivoluzionarie del 2015 e oltre,La notevole partecipazione ha superato le nostre aspettative, con più di 50 persone presenti ad ogni sessione. L’interesse e il coinvolgimento non sono stati dimostrati solo dai detenuti, ma anche dai tutor e dalle guardie presenti, che hanno partecipato attivamente alle sessioni, contribuendo alla creazione di un’atmosfera di apprendimento inclusiva e rispettosa. Le domande sollevate durante i seminari sono state numerose e pertinenti, a dimostrazione di un genuino interesse e una profonda curiosità tra i partecipanti. È stato incoraggiante assistere a come la curiosità scientifica abbia superato delle barriere, coinvolgendo un pubblico diversificato all’interno delle varie strutture penitenziarie. In particolare, i detenuti del carcere di Bollate, che gestiscono un periodico, hanno deciso di includere una rubrica a tema scientifico a seguito del loro entusiasmo per questi argomenti.

Guardando al futuro, come membri del gruppo di divulgazione della collaborazione Virgo ci dedicheremo ad estendere ulteriormente la portata di questo progetto, ispirati dal successo di tutti gli incontri. Sono già in atto piani per organizzare ulteriori seminari nelle carceri italiane e potenzialmente espandere il programma ad altri paesi in Europa. L’obiettivo è rendere la scienza accessibile a tutta la società, senza eccezioni, promuovendo così una comunità scientifica più inclusiva. È nostro desiderio che questa iniziativa sia solo l’inizio di un movimento più ampio per garantire che chiunque, indipendentemente dalla propria condizione o dal proprio background, abbia l’opportunità di essere ispirato dalle meraviglie dell’universo e dalla ricerca della conoscenza. Continuando a rompere le barriere all’educazione scientifica, la nostra speranza per il futuro, non è solo di contribuire al campo dell’astrofisica, ma di svolgere anche un ruolo cruciale nel miglioramento della società nel suo insieme e nel dimostrare come la scienza possa migliorare le nostre vite.

Sito web: www.virgo-gw.eu

Autori: Alberto Colombo, Livia Conti, Fabio Garufi, Annalisa Allocca, Simone Mastrogiovanni, Giada Rossi, Isabel Cordero-Carrión